PREMIO RODOLFO SONEGO

Concorso per sceneggiatori

Arrivato alla 14° edizione, Lago Film Fest si regala un brivido: riportando finalmente in vita il concorso di sceneggiature inedite per cortometraggi intitolato a Rodolfo Sonego, sceneggiatore bellunese e storico collaboratore di Alberto Sordi. Un progetto, quello del Sonego, che aveva arricchito il festival sin dalla sua concezione ma che era stato congelato nel 2015, in attesa di una partnership che donasse nuova linfa al tutto. E qui entriamo in scena noi di Scuola Holden, la scuola torinese di storytelling – narrazione, comunicazione e arti

performative – fondata nel 1994 da Alessandro Baricco. Per la prima edizione del rinato Premio Sonego, abbiamo pensato a un concorso che desse agli sceneggiatori la possibilità di cimentarsi con il tema del coming of age: quello tornato alla ribaltagrazie a serie come Stranger Things o The End of the F***ing World, o a film come Sing Street e Me & Earl & the Dying Girl – avrete presente. Storie di formazione, riti di passaggio dall’infanzia all’adolescenza, raccontate con sguardo ironico e disincantato allo stesso tempo: lo stesso, a conti fatti,

del Rodolfo Sonego sceneggiatore. Ai giovani autori delle sceneggiature migliori daremo inoltre la possibilità di crescere, confrontarsi e sviluppare un proprio percorso formativo tramite l’esperienza inedita del Summer Camp. Sonego, a cui la dimensione da bottega era particolarmente cara, sarà contento.

Save the cat a tutti,
Mary Stella Brugiati e Alessandro Bosi
responsabili Progetto Rodolfo Sonego

Roma, 1954. Alcuni dei migliori autori dell’epoca sono a casa del produttore Franco Rossi per discutere del film Il Seduttore. C’è un problema nella storia e non riescono a venirne a capo. Alberto Sordi, il protagonista della storia, sta per andarsene quando sente una voce diversa provenire da sotto il tavolino.

«Chi sei? Che ci fai là sotto?»- chiede Sordi. Quella voce appartiene a Rodolfo Sonego, allora semi-sconosciuto sceneggiatore bellunese. Sordi prende Sonego sottobraccio e lo porta a passeggio ai Parioli. «Ma che, sei de Trento? Credo proprio che tu sia la persona che sto cercando. Quando parli,

io sento come una musica… Io a te ti capisco!». Da quel momento la carriera di Sonego si legò a quella di Sordi, diventando entrambi indiscussi rappresentanti della commedia all’italiana, interpreti senza pari del grande cinema italiano. Assieme a Sordi, Sonego costruì il suo personalissimo ruolo di sceneggiatore.

Il Premio Rodolfo Sonego torna al Lago Film Fest, con l’obiettivo di ricordare ed onorare il lavoro di Rodolfo Sonego, ed accogliere in una bottega (realtà tanto cara allo sceneggiatore) giovani appassionati di cinema, dando loro la possibilità di crescere, confrontarsi e sviluppare un proprio percorso formativo.

COS’È?

Il Premio Rodolfo Sonego è un concorso di sceneggiature per cortometraggi.
E’ un progetto firmato Lago Film Fest, il Festival Internazionale di Cinema Indipendente che si terrà dal 20 al 28 luglio 2018 nella splendida cornice di Revine Lago (Treviso).

COME FUNZIONA?

Sono tante le novità pensate per questa edizione, a partire dal tema. Le sceneggiature originali dei cortometraggi dovranno infatti appartenere al genere del coming of age. Con uno sguardo ironico e disincantato allo stesso tempo (cifra stilistica del Sonego sceneggiatore), le storie del genere coming of age sono storie di formazione, riti di passaggio dall’infanzia all’adolescenza.
Per partecipare al Concorso è necessario caricare le sceneggiature in lingua italiana sul form online del Festival, e rispettare i seguenti criteri: lunghezza massima di 15 pagine A4, in carattere COURIER NEW, corpo 12, formato .pdf.

Per partecipare al concorso è necessario versare una quota di iscrizione di 20€.

I nomi dei 9 finalisti verranno pubblicati sul sito www.lagofest.org entro il 30 giugno 2018.

I 9 finalisti riceveranno l’accredito al festival e la possibilità di lavorare alla loro sceneggiatura attraverso l’esperienza del Summer Camp: 3 giornate di approfondimento e tutoraggio con sceneggiatori professionisti. La proclamazione del vincitore avverrà a Ottobre 2018 presso la Scuola Holden di Torino. A tutti i finalisti verranno consegnati dei diplomi di merito.

COS’È IL SUMMER CAMP?

Il Summer Camp è una vera e propria full immersion di 3 giorni, dal 20 al 23 luglio, riservata ai 9 finalisti che verranno scelti sulla base di una selezione.
Si inizia al mattino con una lezione di approfondimento sul tema del coming of age. A seguire il laboratorio di sviluppo delle sceneggiature.

Durante il laboratorio si metterà in pratica quel che si è detto a lezione e ogni partecipante lavorerà alla propria sceneggiatura. Tutto questo con i feedback e l’assistenza costante di tutor professionisti.  E la sera? La sera ci sono le proiezioni, gli eventi e le performance del Lago Film Fest!

Al termine di questi 3 giorni i partecipanti avranno: migliorato la loro sceneggiatura, elaborato un pitch per poterla raccontare, creato la propria playlist generazionale, e conosciuto registi, produttori e sceneggiatori.

COSA BISOGNA FARE?

Per iscriversi al concorso è necessario compilare il form online
Al momento dell’iscrizione occorre avere:
la sceneggiatura in formato .pdf, una sinossi di 10 righe della storia, il cv dell/degli autori e la ricevuta dell’avvenuto pagamento in formato .pdf.

 

LA PREMIAZIONE

Le sceneggiature finali verranno inviate ai membri della giuria, che su insindacabile giudizio decreteranno il vincitore a Ottobre 2018 presso la Scuola Holden di Torino.

Al vincitore verrà consegnata una targa di merito, l’invito a partecipare come giurato all’edizione 2019 del Premio Sonego e un premio speciale da parte della Scuola Holden.

PARTNER STRATEGICI: LA SCUOLA HOLDEN

Last but not least, il partner ufficiale del concorso: la Scuola Holden.
Fondata nel 1994 da Alessandro Baricco, la Scuola Holden è una scuola di storytelling, cioè di narrazione, comunicazione, e di arti performative.

Al vincitore del Premio Sonego, la Scuola Holden regalerà un buono di 650€ per un corso a scelta, valido per tutto il 2019.

I GIURATI

FRANCESCA MAZZOLENI

Nata a Catania nel 1989, si è diplomata a Roma in Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia nel 2015. Ha diretto cortometraggi e documentari (​Nowhere, Lo so che mi Senti, 1989​) per i quali ha vinto diversi premi, ed è stata l’assistente alla regia nel film di Marco Danieli ​La ragazza del mondo​. Succede​ è il suo primo film.

PIETRO SEGHETTI

Nato a Roma nel 1990, nel 2011 vince il Premio Internazionale Mattador per la Sceneggiatura per il miglior soggetto con ​Il Lavoro dell’Attore;​ lo stesso anno inizia a lavorare nello staff editoriale di Sky Cinema Italia. Dopo un’esperienza come Editor Junior presso alcuni programmi del canale Real Time, è Editor alla Pepito Produzioni, dove lavora a film per il cinema e a film e serie tv per Rai Uno. È autore di cortometraggi e testi teatrali (​Il Premio, Lo so che mi Senti, 1989​) che hanno partecipato a festival e premi internazionali: tra i tanti, Nastri d’Argento, Inside out Toronto LGBT Film Festival e Festival del nuovo cinema italiano (Tremblay-en-France). Insieme a Paola Mammini e Francesca Mazzoleni ha scritto la sceneggiatura del film ​Succede​.

SARA BENEDETTI

Nata a Roma, nel 2002 si trasferisce a Torino per frequentare la Scuola Holden dove si diploma nel 2004, formandosi in particolare sulla sceneggiatura. Finalista al Premio Internazionale di sceneggiatura Città di Bra 2004, due volte in concorso al Torino Film Festival nella sezione corti (​Arabian Bar​, 2004 e ​May​, 2009). Co-autrice di “​Liberi a metà​”, documentario prodotto da Minimum Fax nel 2011, e autrice di un romanzo “​Homing​”, Ed.clandestine. Dal 2006 insegna sceneggiatura per la Scuola Holden.

I FINALISTI PREMIO RODOLFO SONEGO 2018

Sara Bianchi – Cactus
Matteo Borsato, Roberto Todone, Emma Bresciani, Diletta Meoni, Filippo Tassel – Sangue
Angelo Curci – La nostra estate
Roberto Donati,  Claudio Casazza – Cicciolina Pocket
Simone Lucidi – Formiche
Giada Ceotto – Sailor Girls
Emilia Mazzacurati – Manica a vento
Michele Greco – One way
Alessandro Padovani – Stella cadente

IL VINCITORE

Angelo Curci è nato nel 1994 in provincia di Bari. Frequenta il secondo anno della Scuola Holden, college di Serialità e TV. La sua sceneggiatura, dal titolo L​a Nostra Estate​, è ambientata nell’estate del 1979. Alberto Montinari, quindici anni, trascorre le vacanze alla casa al mare nel Salento insieme ai suoi genitori, sua sorella Marta e Livia, un’amica d’infanzia di ventidue anni che è venuta a trovarli dalla Germania anche quest’anno. Un ballo sulla spiaggia e una colazione insieme sono i momenti che Alberto e Livia condividono e che li avvicinano l’uno all’altra, in cui scoprono l’attrazione che lega i loro corpi. Marta, anche lei ventiduenne, scopre una nuova attrazione per Livia, qualcosa che va al di là del sentimento di amicizia e che cerca di reprimere silenziosamente. Una sera, lontani dai festeggiamenti per l’anniversario dei signori Montinari, Alberto e Livia scoprono il sesso, trepidanti e insicuri nella loro giovane età. Il giorno dopo Livia riparte. I due ragazzi si salutano con un bacio, e quella passione che li ha uniti resterà soltanto nel ricordo della loro estate.

La copertina dell’opera è stata realizzata da Francesca Zanotto, illustratrice veneta, classe 1989.