DREAMS OF BEING HERE: NEW VOICES IN INDIAN CINEMA

Un focus curato da Payal Kapadia sulla nuova onda di filmmaker indiani.

La carcassa di un coccodrillo viene a galla nel cuore della città di Mumbai, una coppia di fratelli si interroga su un serpente a due teste, mentre un gruppo di radioamatori di Pune invia messaggi ai satelliti dalle sue stazioni radio fatte in casa: questo pacchetto di cortometraggi racchiude una nuova ed eccitante tendenza del giovane cinema indiano. Impregnati di fantasia e di folklore contemporaneo, questi registi tentano di creare un proprio vocabolario di pratica cinematografica pur essendo saldamente radicati alle questioni della vita quotidiana. Dai sogni degli operai che costruiscono la città di Bangalore (Presence), alle lotte indefinite di coloro che negoziano le difficoltà del paesaggio rurale (Pati, Village in the sky), alle questioni dell’amore delicato e proibito (CatDog), alla pura lettera d’amore al cinema (Remembering Diana an open letter to Kiarostami), all’uso di un racconto popolare che affronta questioni di ecologia (Makara), questi film sollevano diverse questioni mentre sfidano la forma cinematografica. Una gran parte dei film sono stati prodotti come lavori studenteschi dal Film and Television Institute of India, finanziato dallo stato, che storicamente ha plasmato il volto del cinema indipendente nel paese. (Payal Kapadia)

La selezione:

PATI – Sohrab Hura
India / 2010 / 10 min / doc

Presence – Yashaswini Raghunandan & Ekta Mittal
India / 2012 / 18 min / doc / anteprima nazionale

Amateurs – Naveen Padmanabha
India / 2012 / 10 min / fiction / anteprima nazionale

Village in the Sky – Ramesh Holbole
India / 20 min / 2016 / doc

CatDoc – Ashmita Guha
India / 20 min / fiction, 2019 / anteprima nazionale

Makara – Prantik Basu
India / 19 min / 2013 / fiction / anteprima italiana

Remembering Diana. An Open Letter to Abbas Kiarostami – Hasainar Chengat
India / 20 min / 2016 / doc / anteprima europea

Payal Kapadia è una regista e artista di Mumbai. Ha studiato regia cinematografica al Film & Television Institute of India. I suoi cortometraggi AFTERNOON CLOUDS (2017) e AND WHAT IS THE SUMMER SAYING (2018) sono stati presentati in anteprima rispettivamente alla Cinéfondation e alla Berlinale. È un’alumna della Berlinale Talents e ha partecipato nel 2019 alla Cinéfondation – Résidence du Festival de Cannes. Il suo primo lungometraggio, A NIGHT OF KNOWING NOTHING, fa parte della selezione della Quinzaine des Réalisateurs del 2021. Il suo prossimo progetto, ALL WE IMAGINE AS LIGHT, per il quale ha ricevuto il sostegno di Ciclic e Hubert Bals Fund, è attualmente in finanziamento.